Erika Marconato

Costantemente alla ricerca. Porto con me la voglia di imparare

Tag: Book Republic (Page 2 of 2)

I consigli di Paolo Malaguti

Paolo Malaguti e il Sillabario Veneto - fonte foto: www.paolomalaguti.it

Paolo Malaguti e il Sillabario Veneto –

Questa settimana, con il gruppo di lettura della mia biblioteca, abbiamo incontrato Paolo Malaguti, autore di “Sul Grappa dopo la vittoria“, “Sillabario veneto” e “I mercanti di stampe proibite” (quest’ultimo mi ha tenuto compagnia per quasi tutto il mese di ottobre).

Il lettore Paolo Malaguti

Spesso, almeno per la mia esperienza, quando si parla con un autore si finisce per condividere anche le esperienze come lettori :). Paolo Malaguti, che è una persona veramente squisita, si è ben prestato e ci ha parlato di un sacco di libri interessanti. Per questa settimana, ci accompagneranno i suoi “imperdibili”.

William Shakespeare: “forse l’ho letto troppo presto, ma mi ha molto colpito”

Condivido con Paolo la lettura precoce (almeno di Romeo e Giulietta e dell’Amleto).
E’ un autore che è morto da mò, quindi è “scaduto” il copyright, il che significa che gli scritti del buon William sono di pubblico dominio, appartengono a tutti (gaudio e tripudio). Le copie gratuite (e libere) di commedie e tragedie si trovano:

  • Progetto Gutenberg (epub e pdf – per alcuni scritti anche mobi e html – in lingua inglese);
  • LiberLiber (pdf, epub ed audiobook in lingua italiana);
  • Wikisource ha Macbeth, Amleto e la Tempesta. Se non hai la più pallida idea di cosa sia Wikisource qui di sicuro c’è qualche risposta :);
  • Librivox, che è un progetto che contiene solo audiobook, in particolare in lingua inglese, di libri che si trovano nel pubblico dominio.

 

Giovannino Guareschi: “imperdibile”

Per quanto mi riguarda, ho messo nel mio lettore le prime due opere di Giovannino Guareschi, creatore di Don Camillo.

 

Wu Ming: Altai e Luther Blisset: Q

Dal 1996, tutti i nostri libri recano per contratto la seguente dicitura: Si consente la riproduzione parziale o totale dell’opera e la sua diffusione per via telematica, purché non a scopi commerciali e a condizione che questa dicitura sia riprodotta. – Wu Ming

Per me personalmente, tra i primi ebook liberi che ho scaricato.
Paolo Malaguti ci ha citato, in particolare, Q e Altai, in risposta alla domanda “Lei ha letto il loro ultimo? E, quali sono quelli che proprio bisogna leggere?” (No, non aveva letto l’ultimo).
Li si trovano entrambi nella parte download del loro vecchio sito.
Q è scaricabile in PDF. Altai in epub.

Luigi Meneghello: “denso”

Io (Erika) non ho mai finito nulla, quindi vado sulla fiducia. Il fatto che ho cominciato “Libera nos a malo” almeno tre volte, vale? No, vero?

 

Madame Bovary: “mi ha proprio colpito!”

Anche per questo vado sulla fiducia: è nella mia lista (di libri da leggere) da un bel po’, ma non ci sono ancora riuscita, a leggerlo :).
Anche lui è di pubblico dominio, quindi è scaricabile da LiberLiber. Purtroppo niente epub, ma c’è il pdf e il txt.

Goffredo Parise: “l’ho chiaramente omaggiato ne Il sillabario veneto”

Si può leggere o farselo leggere :). Su BookRepublic c’è, infatti, sia il formato epub che l’audiobook.

Di nuovo un mea culpa: Parise non lo conosco proprio. Al contrario di quello che pensa una signora del gruppo di lettura, non ho letto tutto lo scibile umano. Mi piacerebbe, è nella lista delle cose da fare, ma ancora non l’ho fatto ;).

 

Mario Rigoni Stern: “un confronto inevitabile e uno dei miei primi innamoramenti letterari”

Sarò una pessima lettrice, ma di Rigoni Stern ho letto solo Il bosco degli urogalli, acquistato per 0.50 cent da una libraia ambulante di Padova. Ogni anno mi ripropongo di leggere qualcos’altro, sarà la volta buona?

 

Moby Dick: “dare un nome ai personaggi condiziona il lettore. Per me, Ismaele avrà sempre la faccia di un mio amico con lo stesso nome”

Un libro che si porta una storia per Paolo Malaguti.

E più di una. Per me Achab, Ismaele e la balena sono legati indissolubilmente ad uno dei corsi più interessanti (e più difficili) che ho fatto all’università: semiotica. Un corso evitato da molti, ma che io ho trovato veramente edificante. Mi sono persa tra significato e significante, tra senso e segno e me lo porto ancora nel cuore.

Questa storia, per i più impavidi, è scaricabile in lingua dal Progetto Gutenberg.
Per gli altri, al prezzo di un cappuccino con la briosche è acquistabile da BookRepublic.

Se volete leggere com’è andato l’incontro, com’è il libro che ho letto e altre amenità trovate tutto qui.

Ma voi, questi libri consigliati li avete letti? Quali? Quando? Cosa vi hanno lasciato?

Della necessità di rimettere il naso nei libri

Ebbene sì.

I videogame hanno rovinato la mia vita, ma ne ho altre due.

Videogame – attribuzione foto

Ci sono cascata anch’io.

Ho installato un gioco (uno di quelli stupidi e senza scopo, niente di intellettuale) nel mio smartphone e mi ci sono persa.

Ho abbandonato le mie letture sul comodino, sulla lavatrice e sul divano. Ho lasciato languire le pagine, lasciando passare i giorni.

Ecco perchè oggi ho deciso di parlare di libri che ti obbligano a tirare su il naso dai giochi elettronici e rimetterlo nei libri ;).

Il teorema del pappagallo – Denis Guedj

Io non sono una fan della matematica. Mi spiace. Quando vedo i numeri il mio povero cervello si blocca e va a farsi un giro.

Non la capisco, non mi piace e mi fa sentire scema.

Ciò nonostante questo è uno di quei libri di cui sono grata. Si parla di numeri e di teoremi e ci sono delle formule matematiche dentro, ma è un giallo veramente piacevole.
La storia della matematica è la protagonista, in una Parigi segreta e magica che ha come centro la libreria “Mille e una pagina”. Ogni pagina ti obbliga a leggere la successiva e la matematica è spiegata a prova di scemo (voglio dire, se me lo sono goduto io, fidatevi!).
L’ho letto tutto di un fiato. Ce l’ho in cartaceo, in epub e, se potessi, lo comprerei anche su pergamena (il PDF c’è, ma passo perchè non è che mi piaccia molto come formato :D).

Il cacciatore di aquiloni – Khaled Hossein

Una storia dolce e straordinaria.

Ci sono bambini, aquiloni, Afghanistan, Stati Uniti, emigrazione, immigrazione, sensi di colpa, ritorno in patria e molto altro.

Per me è stata una lettura invernale: divano, plaid e the caldo in un pomeriggio piovoso.

Ho sofferto dell’ansia da separazione tipica della fine dei bei libri. Me lo sono portato in giro per un po’, anche se lo avevo finito, giusto per non separarci (lo so sono malata, ma spero che i lettori mi capiranno).

Jane Eyre – Charlotte Brontë

Un classico del 1847. Che, per pregiudizio, io ho letto solo quest’anno :).
Prima di affrontarlo, per me era solo un romanzo su una stupida donnetta (perdonatemi i termini). Per cui non riuscire a lasciarlo fino alla fine, mi ha davvero stupita.
Jane è un personaggio fantastico. Indipendente, intelligente, coraggiosa, caritatevole e profonda. E’ lei che mi ha inchiodato a questo libro.

Le scelte che fa sono inamissibili per la società vittoriana, ma lei cerca di fare i conti solo con se stessa: tutt’altro che una stupida donnetta.
La Bronte è veramente magistrale nel descrivere i personaggi, i loro pensieri, le loro vite.
Assolutamente da leggere!

Oltre che su bookrepublic, lo trovate in epub (e altri formati) su LiberLiber. Lo si può scaricare gratuitamente, ma al modico prezzo di 0.49 € si può sostenere il progetto per poter “liberare” altri libri fuori dal copyright.

Il mastino dei Baskerville – Arthur Conan Doyle

Sherlock Holmes è un invito irrinunciabile a tirare su il naso dal videogioco e rimetterlo sui libri.

E’ una di quelle cose che bisogna si vuole leggere nella vita. O meglio, che io ho voluto leggere nella vita.

Questo in particolare è il romanzo dove Doyle fa “risuscitare” Sherlock Holmes. E, sempre secondo la mia modesta opinione, è il giallo più bello di Arthur Conan Doyle.

Non serve aggiungere altro :).

Notre-Dame de Paris – Victor Hugo

No, non è neanche lontanamente simile a questo:

Io questo lungometraggio della Disney lo detesto ed è il motivo per cui fino alla mia veneranda età non avevo ancora mai letto questo capolavoro.
Notre-Dame è ben scritto, divertente, interessante, mai scontato (sospiro di nostalgia). Una volta iniziato non si riesce più a posarlo, fino alla fine.

E il finale, ohhh il finale. Magistrale. Nella vita da lettore perderselo sarebbe un peccato, secondo me.

Dando buca a Godot – Stefano Bartezzaghi

Un regalo (grazie Ale e Toni!). Per cui è un po’ come un appuntamento al buio :).

Io adoro i giochi linguistici, le parole multisignificanti, i palindromi, gli anagrammi e tutto ciò che “manipola” il linguaggio.

In questo volume, l’unico enigmista che io conosca (non personalmente) raccoglie un sacco di

“giochi insonni di personaggi in cerca d’autore”

con l’invito a creare nuove storie con le regole che ci presenta.

Oltre ad avermi fatto tediare Matteo per una settimana intera con i tautogrammi, questo libro si è fatto leggere tutto d’un fiato e riprendere in mano varie volte.
Non ho ancora cominciato a proporlo al posto dei giochi in scatola, ma di sicuro sarebbe divertente :).

A parte questo, non ci sono altri effetti collaterali.

Non sempre avere il naso nei libri è una cosa buona, ma con questi libri sì, almeno secondo me.
Mi piacerebbe tanto sapere quali altri titoli vi fanno tornare a mettere il naso tra i libri :).

Page 2 of 2

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén