Erika Marconato

Costantemente alla ricerca. Porto con me la voglia di imparare

Tag: audiolibro

How to: LiberLiber

Cos’è Liberliber?

Liber Liber è un’organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) che ha per scopo la promozione dell’accesso libero alla cultura. Operativa dal 1993, è stata fondata ufficialmente il 28 novembre 1994.

Insomma, a quasi vent’anni di vita è di sicuro lo spacciatore di libri liberi più conosciuto in Italia. Oltre al Progetto Manunzio, quello dei libri, Liberliber fa un sacco di cose interessanti: realizza audiolibri, popola un audioteca con un sacco di musica libera e (da qualche mese) raccoglie video di performance teatrali.

Nel Progetto Manunzio, i testi sono tutti in italiano. I formati disponibili sono pdf, epub, txt e rdf e sono scaricabili gratuitamente e quante volte si vuole. Dietro le quinte ci sono un sacco di volontari che dedicano il loro tempo a far si che i testi non vengano dimenticati (come già dicevo in questi post sull’openess e sui gesti hacker).

Liberliber, in sè, non è particolarmente complicato: in homepage si trova un blog con le ultime uscite e tutte le maschere per la ricerca. L’unica cosa che era un po’ macchinosa era la ricerca libera (dove c’è la lente verde per capirsi), ma è stata sistemata. Evviva!

Ci sarà la Divina commedia?

In alto ci sono i menù a tendina di libri e autori (oltre che di un sacco di altre cose). Se si sa già l’autore, partire da uno di questi menù è la cosa più semplice, altrimenti la ricerca libera adesso funziona, quindi si può sfruttare!
La ricerca alfabetica - clicca per ingrandire

Adesso la D..

Clicca per ingrandire

Clicca per ingrandire

Seguiamo Dante. Gentilmente ci ricordano che Dante è il nome. Gli autori sono giustamente classificati per cognome, quindi ci rimandano ad Alighieri, Dante con un comodo link.

Alighieri, Dante - clicca per ingrandire

Alighieri, Dante – clicca per ingrandire

La fine del viaggio ci fa approdare alla schermata:

La pagina di Dante - clicca per ingrandire

La pagina di Dante – clicca per ingrandire

Come si può ben vedere, c’è un sacco di roba: audiolibri (o libri parlati), libri su Dante, libri di Dante e la biografia dell’autore. All’inizio può generare un po’ di confusione, ma, alla lunga, ci si fa il callo e si apprezza che sia tutto insieme nella stessa pagina: non si deve saltellare come conigli alla ricerca di approfondimenti e affini.

Appropriarsi dei file è veramente semplice: cliccando sul pdf, si apre il pdf da salvare, cliccando sulll’epub parte da solo il download. Nella cartella DOWNLOAD del nostro pc/cellulare, troveremo il file del libro che abbiamo scelto, a meno che non diamo istruzioni diverse al nostro device (io, per comodità, le salvo in una cartella con tutti i testi digitali da cui pesca anche Calibre).

Perchè il Progetto Manunzio è una buona base di lancio per il mondo dei libri liberi

Ci sono vari motivi per cui consiglio Liberliber:

  • il sito è pulito. So che non sembra, ma Liberliber ha un’attenzione davvero forte per l’esperienza utente: le cose si trovano molto velocemente, il download è pulito e funziona;
  • l’epub. I testi stanno, pian pianino, subendo la trasformazione da pdf a epub. Il che significa che, se l’epub è stato fatto, nella pagina delle opere si trova già il formato (altrimenti potete adottare un libro e farlo diventare un epub). Al contrario di Biblioteca italiana, non c’è nessuna operazione aggiuntiva per arrivare ad avere l’ebook;
  • non ti mangiano! Presa dall’entusiasmo, un po’ di mesi fa mi sono offerta di far diventare un libro un epub. Poi, mi sono resa conto che mi ci vorrà un secolo perchè non sono così fluente in xml come credevo. Finora nessuno mi ha mandato piccioni viaggiatori minatori (anche se immagino che Marco Calvo, il presidente di Liberliber, stia imprecando contro i niubbi che dicono che fanno una cosa e poi si prendono indietro);
  • i libri sono gratuiti, il che, secondo me, se si è all’inizio del proprio rapporto con l’ebbok reader è una grande facilitazione. Posso scaricare un pdf e confontarlo con l’epub, per esempio. Posso scaricare molte volte molti ebook, posso regalarli agli amici, e via discorrendo. Il che non significa che non costano niente: il lavoro magistrale dietro le quinte c’è e anche quello è un costo. Non sto a dirvi come gestire le vostre finanze, ma ogni tot. libri scaricati potrebbe essere carino fare una donazione all’associazione per permetterle di continuare ad esistere.

  • Ma quindi va tutto bene, benissimo?

    Se proprio devo trovare una pecca, chiamo in causa i pdf. Sono fatti bene e tutto, ma spesso si chiamano “microsoft word” qualcosa.

    Nooo i microsoft word qualcosa noooooooooooo!

    Nooo i microsoft word qualcosa noooooooooooo!


    Personalmente, ne ho diversi nel device e doverli aprire per sapere cosa sono mi infastidisce un po’. Nonostante questo veramente piccolo disguido, andate ad esplorare Liberliber! Hop hop!

    Tra lana e orecchie

    Sferruzzando al bar

    Knit cafè -  Attribuzione foto

    Knit cafè – Attribuzione foto

    A Bassano del Grappa può succedere di entrare in un bar e trovare un gruppo di signore sorriddenti e sferruzzanti.

    Tra lana e ferri, come nulla ti ritrovi immerso nel mondo magico e artigianale del Knit Cafè.

    Cos’è il Knit Cafè?

    Il knit Cafè è un gruppo di persone che si incontrano per lavorare a maglia (o a crochet o ricamo) liberamente, senza alcun obbligo e in forma assolutamente gratuita. Non ci sono insegnanti in quanto ogni partecipante contribuisce con la sua esperienza a condividere informazioni, consigli e suggerimenti sul mondo del knit/tricot. – Da Pensierifattiamano, il blog di Maria Cristina Pizzato, fondatrice del Knit Cafè di Bassano del Grappa

    Per me, il lavoro a maglia è sempre stata una cosa un po’ vintage e privata. L’ho visto fare nei viaggi in treno, davanti ad alcune tv e, alla fine, anche al bar.

    Social knitting

    Grazie a Maria Cristina, ho visto che può essere divertete e “sociale“, ma, soprattutto, ben poco vintage.

    Giusto perchè le coincidenze non finiscono mai di stupirmi, un paio di ragazze del mio gruppo di lettura partecipano assiduamente al Knit Cafè :).

    Anche se non sono una knitter appassionata, nè dotata se proprio la devo dire tutta, ho passato delle serate piacevoli tra il rumore dei ferri e il profumo del caffè.

    E con la lettura come la metti?

    Dato che sferruzzare (o ricamare o fare l’uncinetto) è un’attività che richiede le mani libere, questa settimana ne approfitto per parlare di audiolibri. Le knitter di sicuro lavorano anche da sole, per cui per i momenti di solitudine, perchè non deliziare le orecchie?

    Io ho cominciato ad ascoltare audiolibri all’università: dovevo migliorare il mio inglese (in particolare la comprensione) e mi sono rivolta ad un servizio dell’ateneo. Grazie a Silvia, la responsabile, ho scoperto LibriVox. E mi sono innamorata degli audiolibri :).

    Audiolibri: ci sono quelli gratuiti…

  • LibriVox è un catalogo di libri nel pubblico dominio letti ad alta voce da lettori volontari. Oltre che per persone diversamente abili, è ottimo per lo studio delle lingue (come nel mio caso) o per le trasferte: si carica un libro nel lettore mp3 e si può camminare per ore mentre si “legge” qualcosa.
  • LiberLiber ha una sezione con una quarantina di autori. Gli audiolibri sono in italiano e in formato mp3, m4b e ogg. Per quanto mi riguarda sono un’ottima compagnia per quando sono stanca e non ho la forza di capire l’inglese :).
  • Ad alta voce. Che manna dal cielo! E’ un programma di radio3 in cui leggono libri ad alta voce, per l’appunto :). Tutti i podcast sono disponibili on line. Per me è la soluzione perfetta per i lavori di casa, soprattutto lo stiro :).

  • …e le novità a pagamento

    BookRepublic ha una bella sezione di audiolibri . Sono quelli che si trovano anche in libreria, ma la comodità di scaricarli da casa è una cosa senza prezzo :).

    Ne ho scelti alcuni pensando alle knitter che ho conosciuto al knit Cafè di Bassano del Grappa. Per quando non sono al knit cafè :).

    Chissà che ne pensate degli audiobook. Ditemi la vostra!

    Powered by WordPress & Theme by Anders Norén